Passa ai contenuti principali

Officine Iqbal _ Lavori al rudere: analisi e pianificazione (1)

 Da ottobre a a oggi abbiamo fatto molte cose. Oltre ad avere scasato dalla terra dove facevamo il nostro piccolo orto sinergico, abbiamo iscritto l'associazione all'agenzia delle entrate, rimesso in ordine la sede (almeno il piano inferiore) e siamo stati spesso al "rudere" a fare piccoli lavori. 

In estrema sintesi:

-abbiamo recintato il rudere con un nastro e apposto un cartello per segnalare il pericolo di crollo
-abbiamo ripulito alcune zone, dove abbiamo seminato fave a altri ortaggi alla rinfusa
-piantati 6 alberi di fico, creata una piccola zona compostaggio, individuato una zona "nucleo", da cui far partire una lavorazione del terreno per poter accoglere circa una sessantina di piante: arbusti, alberi fusto medio e alberi a fusto alto che abbiamo richiesto alla forestale
-abbiamo quindi pianificato diverse azioni e abbozzato diverse ipotesi di trasformazione di alcune zone
-inoltre è stata stilata una relazione tecnica sulla condizione attuale del sito (redatto dal nostro amico architetto Gennaro De Capraris, il quale conosce il progetto dalle sue origini)
-al momento abbiamo liberato e spostato un grosso macigno intorno a cui si cercherà di costruire una ambiente...
-abbiamo perlustrato il terrritorio circostante Borgo Mezzanone, parlato con diverse persone: al borgo, nelle campagne, sulla stessa strada sui cui sorge il rudere; capita spesso che le persone si fermino a chiederci informazioni mentre lavoriamo... abbiamo avuto molti scambi con i vicini italiani e migranti...

Altre "cose" abbiamo fatto in piccolo, nel sommerso, e mille altre ci sono da farsi...
a presto 

C.O.S.E./Officine IQBAL

Post popolari in questo blog

Breve sunto di una giornata a Borgo Mezzanone -5 Settembre 2018

BORGO MEZZANONE, 6 SETTEMBRE 2018

Siamo arrivati a Borgo per le 17.15. Mentre arrivavamo ci ha chiamati un giornalista del quotidiano l'Attacco che voleva sapere con precisione dove si svolgeva l'iniziativa. Lo abbiamo pescato davanti alla villa e lo abbiamo portato con noi nello spiazzale prescelto dai bambini per la festa.

Non c'era ancora nessuno, tranne Samuel. I bambini sono arrivati alla spicciolata nell'arco di una mezz'oretta. Così alcuni genitori. Per l'intera durata dell'evento (fino al tramonto), abbiamo potuto contare fino a 34 persone, di cui dodici adulti. Alcune persone con figli sono venute da Foggia. Le altre erano tutte del posto.

L'evento è stato molto semplice. Abbiamo posizionato 3 tavolini su cui sono state adagiate le piccole cose che i bambini hanno comperato con i soldi della colletta e la torta preparata da Anna Maria. Alcune bambine e alcune mamme si sono occupate del servizio ai tavoli. I maschietti hanno giocato a pallone, le …

I love Borgo Mezzanone - La politica dei bambini

RESOCONTO DEGLI TULIMI DUE GIORNI (di Anna Maria Papa)

FOGGIA, 29 agosto 2018
Lunedi 27 agosto, siamo ritornati in sede per sistemare l’ambiente, pulire e mettere in ordine in vista dell’inizio delle scuole. Abbiamo invitato Samuel e Swami a darci una mano (Samuel e Swami sono due bambini, fratello e sorella, rispettivamente di otto e dieci anni, che vivono a Borgo Mezzanone e che hanno stretto una particolare amicizia con la nostra associazione). Era qualche settimana che non ci vedevamo, così ci hanno raccontato le novità e ci hanno invitati alla festa che vogliono organizzare nel loro quartiere, insieme ai compagni della loro età. L’idea è venuta a Swami di organizzarsi per fare qualcosa di buono per Borgo Mezzanone: stanno facendo una colletta per fare la spesa, stanno ideando un balletto da fare insieme e mi hanno chiesto di preparare una torta al cioccolato. Stupiti e inteneriti dalla forza di questa semplice proposta fatta da un gruppo di bambini che vive in un così grave disagio…

I bambini di Borgo Mezzanone hanno deciso -La festa si fa domani!

Foggia, 4 settembre 2018
Mentrealla prefettura di Foggia si svolge un ennesimo incontro istituzionale sui temi del caporalato, a Borgo Mezzanone, chesi può considerare come una "zona rossa" dellaprovincia foggiana non solo in rapporto a questo tema, dei bambini non oltre i 12 anni fannouna colletta, allo scopo di organizzare una "festa" attraverso la quale sensibilizzare le amministrazioni sulle condizioni ambientali del borgo.Questi bambini vorrebbero ristrutturare tutto, ripulire tutto, rifare le aiuole, ristrutturare i 3 campi da calcio eda tennis, ridare vita a una piscina seppellita, ridare i nomi alle vie, "colorare i palazzi di tutti icolori".Questi bambini non vogliono semplicemnte avere quello che spetta loro per principio, ma anche quello che spetta agli adulti,ai loro genitori, ai loro nonni: dicono che vogliono strade e spazi ben puliti per "poter stare e giocare senzarischiare di ammalarsi e di farsi male"; dicono che vogliono delle …