Passa ai contenuti principali

progetti

Con "Officine Iqbal" viene inaugurata una nuova fase del progetto "Per la costruzione di una scuola-villaggio auto-sostenibile dedicata a Iqbal Masih", in uno dei borghi rurali della provincia di Foggia, Borgo Mezzanone. Il progetto -sogno, utopia, ma anche bisogno, desiderio-,  immaginato un giorno da un gruppo di bambini per risolvere i problemi che affliggono la provincia di Foggia, prevede la costruzione di una scuola a forma di villaggio, auto-sussistente, con tutte le attività tipiche di un villaggio. 

Alla base c'è l'idea che lo Stato dovrebbe garantire le condizioni per una sana educazione e delle ottimali condizioni di lavoro per tutti, cosa che lo Stato non riesce a fare, preferendo sempre più la strada della diseguaglianza sia nel mondo del lavoro sia in quello dell'educazione, trasformando la scuola pubblica in un'azienda e incentivando sempre più il privato nel settore dell'educazione e della formazione con i soldi dei contribuenti. Senza parlare dello scempio cui si assiste nelle scuole pubbliche che da diversi anni sopravvivono con i contributi delle famiglie, che in certi casi diventano vere e proprie riserve finanziarie che superano di molto i contributi pubblici.

Ma se lo Stato incentiva le scuole private, sconvolge e privatizza le pubbliche, al cittadino resta ancora la libertà di "istituire scuole e istituti di educazione senza oneri per lo Stato",  come recita l'articolo 33 della Costituzione italiana, il quale, nel primo comma afferma che "l'arte e la scienza sono libere e libero ne è l'insegnamento"; se lo Stato non provvede a garantire le condizioni del lavoro per tutti, come prevede l'articolo 4 della Costituzione italiana, non può tuttavia impedire la libera iniziativa economica del cittadino, la quale, del resto, per l'articolo 41, "non può svolgersi in contrasto con l'utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana". 



E' sulla base di questi  principi costituzionali che la scuola-villaggio vuole investire le sue energie. Il che non significa dover necessariamente far pagare delle rette mensili e/o far versare contributi alle famiglie vita natural durante fino a farli diventare essenziali, ma di fare in modo che la scuola sia sostenuta con il prodotto del lavoro, e di un lavoro equo e solidale, un lavoro che non sia mera espressione di un bisogno di sussistenza, ma creativa e costruttiva industria umana, iniziativa autonoma e cooperativa secondo il maggior grado possibile di democrazia.  

Noi crediamo che sia doveroso un approfondimento sugli effetti futuri di quanto stiamo facendo oggi di male verso i più deboli, verso l'ambiente, verso gli animali e le cose intorno a noi! Noi crediamo che bisogna invertire la rotta, se vogliamo garantire un futuro alle nuove generazioni, intraprendendo la strada dell'iniziativa autonoma e cooperativa sia sul piano economico sia su quello pedagogico, mettendo insieme diversi orientamenti e approcci nel campo dell'educazione democratica e dell'economia etica. 

Approfondimenti:            
blog Officine Iqbal -Per la costruzione di una scuola-villaggio dedicata a Iqbal MASIH!

Post popolari in questo blog

Occhio

Questo sito è in allestimento e potrebbe cambiare stile!

RASP/BG(FG)

RASP/BG(FG), ovvero
Richiedenti Asilo Sans Papiers -Borgo Mezzanone (Foggia)

Nel 2008, numerosi migranti richiedenti asilo, ospiti presso il CARA, Centro di Accoglienza per i Richiedenti Asilo, di Borgo Mezzanone, a circa 15 km da Foggia, dopo aver ricevuto il diniego di asilo dalla commissione territoriale, hanno presentato ricorso...
Ma anche questo è stato respinto. 

Espulsi dal centro, sono stati trasferiti nei container dismessi sulla pista dell'ex-aeroporto militare, alle spalle del centro, l'area in cui fu allestito il primo campo di accoglienza per l'emergenza degli sbarchi dall'Albania, negli anni '90.

Da allora, questo processo si è ripetuto, anno dopo anno, per altri migranti richiedenti asilo di diversi paesi.

Ad oggi, sono più di 500 a vivere in quel campo e nessuno di loro è in possesso di documenti senza i quali non possono nemmeno partire.
Si tratta di uomini e donne provenienti prevalentemente dalla Guinea, dal Mali, dalla Nigeria, dalla Somalia, dalla Co…

Corso di italiano per stranieri

Il centro COSE organizza, presso la propria sede, un corso di italiano di base per stranieri finalizzato a sostenere l'apprendimento dei fondamentali per la comunicazione di base in lingua italiana.  Il corso, destinato a principianti, prevede un test d'ingresso, una prima fase di conoscenza e analisi delle esigenze, e una serie di lezioni con un insegnante specializzato e un assistente.  Gli orari saranno forniti a chiusura delle iscrizioni, fine ottobre. Il corso comincerà   Per informazioni telefonare al 327 3811438 oppure recarsi presso l'associazione in via del salice 45 ​, dal lun. al ven. dalle 18.30 alle 19.30​.