Passa ai contenuti principali

Video documentario di alcune attività del primo semestre 2015

In circa 6 mesi abbiamo realizzato innumerevoli azioni sul breve e sul lungo periodo. per sommi capi, oltre a sviluppare l'orto e a continuare la distribuzione degli ortaggi freschi, abbiamo intrapreso una campagna promozionale a Borgo Mezzanone, con una presentazione ufficiale il 16 aprile, per il ventennale dell'omicidio di Iqbal Masih.
Inoltre abbiamo organizzato il percorso per giovani e adulti "Pian-Ti-Amo" con ospite d'onore Domenico Vitiello, fondatore di Bioscambio.
Da gennaio a giugno, ci siamo inoltre incontrati ogni sabato per discutere sul tema dell'educazione. A borgo Mezzanone abbiamo conosciuto moltissime persone, tra cui anziani coloni e migranti di varie provenienza. In particolare abbiamo stretto legami con 3 famiglie di marocchini che abitano nei pressi del nostro rudere.




                                        Centro COSE -Orto dagli umori cangianti -Rudere

Post popolari in questo blog

Breve sunto di una giornata a Borgo Mezzanone -5 Settembre 2018

BORGO MEZZANONE, 6 SETTEMBRE 2018

Siamo arrivati a Borgo per le 17.15. Mentre arrivavamo ci ha chiamati un giornalista del quotidiano l'Attacco che voleva sapere con precisione dove si svolgeva l'iniziativa. Lo abbiamo pescato davanti alla villa e lo abbiamo portato con noi nello spiazzale prescelto dai bambini per la festa.

Non c'era ancora nessuno, tranne Samuel. I bambini sono arrivati alla spicciolata nell'arco di una mezz'oretta. Così alcuni genitori. Per l'intera durata dell'evento (fino al tramonto), abbiamo potuto contare fino a 34 persone, di cui dodici adulti. Alcune persone con figli sono venute da Foggia. Le altre erano tutte del posto.

L'evento è stato molto semplice. Abbiamo posizionato 3 tavolini su cui sono state adagiate le piccole cose che i bambini hanno comperato con i soldi della colletta e la torta preparata da Anna Maria. Alcune bambine e alcune mamme si sono occupate del servizio ai tavoli. I maschietti hanno giocato a pallone, le …

I love Borgo Mezzanone - La politica dei bambini

RESOCONTO DEGLI TULIMI DUE GIORNI (di Anna Maria Papa)

FOGGIA, 29 agosto 2018
Lunedi 27 agosto, siamo ritornati in sede per sistemare l’ambiente, pulire e mettere in ordine in vista dell’inizio delle scuole. Abbiamo invitato Samuel e Swami a darci una mano (Samuel e Swami sono due bambini, fratello e sorella, rispettivamente di otto e dieci anni, che vivono a Borgo Mezzanone e che hanno stretto una particolare amicizia con la nostra associazione). Era qualche settimana che non ci vedevamo, così ci hanno raccontato le novità e ci hanno invitati alla festa che vogliono organizzare nel loro quartiere, insieme ai compagni della loro età. L’idea è venuta a Swami di organizzarsi per fare qualcosa di buono per Borgo Mezzanone: stanno facendo una colletta per fare la spesa, stanno ideando un balletto da fare insieme e mi hanno chiesto di preparare una torta al cioccolato. Stupiti e inteneriti dalla forza di questa semplice proposta fatta da un gruppo di bambini che vive in un così grave disagio…

I bambini di Borgo Mezzanone hanno deciso -La festa si fa domani!

Foggia, 4 settembre 2018
Mentrealla prefettura di Foggia si svolge un ennesimo incontro istituzionale sui temi del caporalato, a Borgo Mezzanone, chesi può considerare come una "zona rossa" dellaprovincia foggiana non solo in rapporto a questo tema, dei bambini non oltre i 12 anni fannouna colletta, allo scopo di organizzare una "festa" attraverso la quale sensibilizzare le amministrazioni sulle condizioni ambientali del borgo.Questi bambini vorrebbero ristrutturare tutto, ripulire tutto, rifare le aiuole, ristrutturare i 3 campi da calcio eda tennis, ridare vita a una piscina seppellita, ridare i nomi alle vie, "colorare i palazzi di tutti icolori".Questi bambini non vogliono semplicemnte avere quello che spetta loro per principio, ma anche quello che spetta agli adulti,ai loro genitori, ai loro nonni: dicono che vogliono strade e spazi ben puliti per "poter stare e giocare senzarischiare di ammalarsi e di farsi male"; dicono che vogliono delle …